CENTRO STUDI LA CORCERA

 

PER LA CONSERVAZIONE E LO STUDIO DEL PATRIMONIO CULTURALE TRADIZIONALE NELLA REGIONE DELLALTO CUSIO

Sito curato da Massimo M. Bonini per contatti

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Home page

 

 

 

Sommario della pagina

 

Gennaio

Febbraio

Marzo

Aprile

Maggio

Giugno

Luglio

Agosto

Settembre

Ottobre

Novembre

Dicembre

 

 

Calendario tradizionale

 

Il calendario presente in questa pagina stato pubblicato a cura dellAssociazione per la Promozione dellAnziano di Casale C.C., primo di una serie che si va allungando di anno in anno. Lo si ritiene importante in quanto costruito secondo i criteri antichi, precedenti la riforma del calendario liturgico attuata dal Concilio Vaticano Secondo che ha soppresso o spostato le ricorrenze di molti santi.

I vecchi usavano far riferimento a tali ricorrenze, piuttosto che alle date ufficiali, e su di esse avevano costruito una vera e propria enciclopedia di detti e tradizioni che compendiava tutta la loro vita, legata fondamentalmente ai ritmi della terra e della natura.

Viene qui riportato il testo del calendario vero e proprio; le fiabe e le leggende che completavano loriginaria ledizione a stampa si trovano alle pagine Fiabe e Leggende di questo stesso sito, mentre le fotografie sono reperibili, in parte, allindirizzo del sito dedicato a Casale Corte Cerro e curato anchesso dal Centro Studi La Corcera.

 

TQUIN D CI D CSAL

1999

(mil nvcent nunt nv)

Da anni, ventidue per l'esattezza, coltivavo l'idea di questa pubblicazione, la preparavo raccogliendone le idee, i testi, le testimonianze, la proponevo a questo e quello, ricevendo attestazioni di stima, promesse d'interessamento, ma sostanziali rifiuti. Ora non posso che ringraziare gli amici dell'Associazione per la Promozione dell'Anziano, nelle figure dei suoi presidenti, Carla Rossi e Marco Guiglia, e soprattutto don Renato Beltrami per l'opportunit che mi hanno voluto concedere. Mi hanno fatto un grande favore, certo, ma prima che al sottoscritto lo hanno fatto a tutti i casalesi, anziani e giovani, alle nuove generazioni in special modo, permettendo loro di avere a disposizione una piccola raccolta di quella "sapientia minor" che per secoli ha accompagnato i nostri padri nella vita quotidiana, nel tanto lavoro e in quello che oggi si usa definire "tempo libero".

Non voglio perdermi, annoiandovi, in digressioni accademiche circa l'importanza della cultura tradizionale; ci sono state, e ci saranno spero, altre occasioni per farlo. Voglio soltanto precisare come i testi che troverete nelle pagine successive e che confido vi accompagneranno per un intero anno, siano povere schegge provenienti da lontano, resti di un ben pi ampio patrimonio in gran parte dimenticato, ma non ancora necessariamente perduto. Li ho trascritti sul filo del ricordo di quanto le mie nonne, una di Buglio, l'altra di Casale, ma con forti radici in quel di Arzo, mi raccontavano da bambino, completandoli con i molti contributi che tanti amici hanno voluto passarmi in questi anni. Non voglio negare che le mie personali "radici" abbiano abbondantemente influito sulla scelta del materiale e che molto di mio ci sia nel ri-raccontare sulla carta cose che sempre sono passate di bocca in bocca, di memoria in memoria, cambiando continuamente forma e colore: ma considero tutto ci ricchezza, non travisamento.

In particolare mi stato contestato il fatto che la raccolta abbia dei miseri riferimenti alla parte "bassa" del comune di Casale - Ramate, Gabbio, S. Anna, Cereda. Anche questo un fatto innegabile, una triste realt, legata vuoi alla mia "formazione di base", ma senz'altro anche al relativamente recente sviluppo di queste frazioni e al grande ricambio di popolazione che hanno subito nel recente passato. Me ne scuso comunque, ma spero che tutto ci possa servire da stimolo affinch qualcuno raccolga la sfida e prosegua il lavoro iniziato da Eriano Medina e Italo Carissimi attraverso il Bollettino Parrocchiale di Ramate. Personalmente mi rendo sin d'ora disponibile a sostenere qualunque iniziativa si voglia intraprendere e a contribuirvi fattivamente.

Un ultimo appunto riguarda i testi delle leggende, dei proverbi e delle fiabe di seguito riportati. Pur essendo in genere molto noti, proprio per il loro carattere di ricordi trasmessi oralmente sono spesso presenti in diverse varianti, a volte diverse da famiglia a famiglia, senza che sia possibile stabilire il primato di una rispetto alle altre. Non se ne voglia quindi al sottoscritto se, dovendo comunque operare delle scelte, ha optato per quelle forme che gli erano naturalmente pi congeniali.

Crebbia, Novembre 1998

Massimo M. Bonini

 

IL CICLO LUNARE

La luna ha un ciclo di rotazione intorno alla terra di circa ventotto giorni, durante il quale presenta le fasi di luna nova (lun nov), primo quarto (prm quart), luna piena (tund) e ultimo quarto (ltim quart). E' nota l'influenza del satellite sulle maree, sulle colture e su vari cicli biologici, tanto che i proverbi e le credenze popolari in merito si possono contare a centinaia e spesso si rivelano sostanzialmente credibili.

SEGNI ZODIACALI

L'astrologia disciplina molto antica, a cavallo fra tradizione e scienza astronomica, per cui si ritenuto corretto indicare nel calendario i momenti esatti in cui, secondo le effemeridi ufficiali, il sole "entra" nelle varie costellazioni. Ne faccia ognuno l'uso che gli par migliore.

FESTE DEL CALENDARIO CELTICO

Le antiche popolazioni indoeuropee che nel corso del millennio antecedente l'era cristiana hanno espanso la loro area di stanziamento a tutta l'Italia settentrionale, sovrapponendosi progressivamente alle preesistenti genti mediterranee, hanno lasciato nella nostra cultura tracce profonde e inconfondibili. La loro massiccia presenza nella nostra zona d'altronde ben testimoniata da numerosi siti archeologici, primi fra tutti quelli di Gravellona (Pedemonte), Ornavasso e Golasecca (Sesto Calende).

Nel calendario sono indicate le loro tre principali feste, collocate in momenti particolarmente significativi del ciclo annuale e talmente radicate nella coscienza dei popoli che la nascente chiesa cristiana, nell'impossibilit di estirparle, prefer adottarle sovrapponendovi celebrazioni della sua liturgia.

Samhain - Halloween

Segnava l'inizio del nuovo anno nel ricordo dei parenti defunti che per una notte tornavano sulla terra, in forma di spiriti, a visitare i lro cari che li attendevano intorno ai fal rituali accesi nei boschetti di querce sacre. Non a caso corrisponde alla celebrazione di Tutti i Santi e dei defunti e molto vicina alla celebrazione di S. Martino (11 Novembre), tradizionale data di fine e inizio delle annate agrarie e quindi scadenza dei contratti di mezzadria con conseguente trasloco delle famiglie di affittuari da una fattoria all'altra (fa S. Mrtin). Anche le "stregherie" di Halloween, recentemente reimportate da oltre oceano insieme ad altre americanate, prendono spunto dal ritorno dei defunti, fatto originariamente di valenza positiva e solo in seguito, in epoca puritana probabilmente, coloratosi di fosche tinte demoniache.

Beltaine - Mezzestate

Celebrazione gioiosa della primavera, del risveglio della natura, della maturazione delle messi. I riti cominciavano all'inizio di Maggio con l'innalzamento degli alberi ornati, le processioni augurali, le orge rituali intorno ai fal e proseguivano poi fino alla mezzestate, il solstizio, culmine dell'anno.

I riti del Calendimaggio, la ricorrenza di Santa Valpurga, particolarmente celebrata nei paesi nordici, e soprattutto la festa di San Giovanni Battista (24 Giugno) ne rappresentano la trasformazione.

Lugnasad

Nella prima met di Agosto cadevano le celebrazioni di Lugh, dio della luce, in corrispondenza con la fine dei raccolti. Ancora una volta danze sacre e fuochi rituali erano gli elementi sacrali e ancora una volta li ritroviamo nella tradizione dei fal agli alpeggi nella notte di Ferragosto.

 

Nota: tutti i testi provengono da ricerche sul campo e sono stati liberamente rielaborati e trascritti dagli autori; per le ricorrenze dei Santi si fatto riferimento al Calendario Generale Romano della Chiesa Cattolica.

N.B. Per quanto attiene la lettura dei testi dialettali si faccia riferimento alle tabelle fonetiche riportate alla pagina Dialetto e dialetti di questo stesso sito.

 

Torna al sommario

 

SGINER 1999 GENNAIO

 

VE. 1 S. Madre di Dio

Prm di'd l'an Capodanno

S. Defndent, fst d j Arz' S. Defendente patrono di Arzo (ricorrenza canonica)

SA. 2 Ss. Basilio e Gregorio VV

Tund (3.50)

DO. 3 SS. Nome di Ges - S. Genoveffa

LU. 4 S. Fausta

MA. 5 S. Simone

ME. 6 Epifania di N.S.G.C.

Befni, tcc i fst l min vi Epifania, tutte le feste si porta via

GI. 7 S. Luciano m.

VE. 8 S. Teolfilo - S. Baldovino - S. Liana

SA. 9 S. Giuliano m.

Sn Gili e sn Gilin n vard d'l losn e dl trn, S. Giulio e S. Giuliano ci proteggano

dal fulmine e dal tuono,

d'i lv, di spent e d'l gram sgent Dai lupi, dai serpenti e dai malintenzionati

ltim quart (15.20)

DO. 10 Battesimo di Ges -S. Aldo er.

LU. 11 S. Sandro m. - S. Igino

MA. 12 S. Cesira

ME. 13 S. Ilario V. dott.

GI. 14 S. Fulgenzio V.

VE. 15 S. Mauro Abate - S. Efisio

Mrcnt d fioc Commerciante (apportatore) di neve

Fst d Cfarugn e d'l cpl 'd Munscirn Festa di Cafferonio e alla cappella di Monte Cerano

SA. 16 S. Marcello P.

DO. 17 S. Antonio Abate

Mrcnt d fioc - Bndizin d'la sal a l Sciri Benedizione del sale alla Cereda

S. ntoni dl purscel, ch'l sunav'l cmpnel S. Antonio del porcello, che suonava il campanello

S. ntoni, 'n ur bun A S. Antonio (il giorno cresciuto) di una buona ora

Ln nov (16.44)

LU. 18 Ss. Faustina e Liberata

MA. 19 S. Mario m.

ME. 20 Ss. Fabiano e Sebastiano mm.

Acquario (13.05)

GI. 21 S. Agnese v.m.

S. gnes, l lisrt 'n s l sces Per S. Agnese la lucertola compare sulla siepe

VE. 22 S. Vincenzo e Anastasio mm.

S. Gudenzi, mrcnt d fioc S. Gaudenzio, commerciante in neve

SA. 23 S. Emerenziana

DO. 24 S. Francesco di Sales V. dott.

Prm quart (20.15)

LU. 25 Conversione di S. Paolo Ap.

MA. 26 Ss. Tito e Timoteo VV.

ME. 27 S. Angela Merici - S. Elvira

GI. 28 S. Tommaso d'Aquino

VE. 29 S. Costanzo V.

Prm di 'd l mrl Primo giorno della merla

SA. 30 S. Martina

Sicund di 'd l mrl Secondo giorno della merla

DO. 31 S. Giovanni Bosco

S. Gili, mrcnt d fioc S. Giulio, commerciante in neve

Tund (17.10)

ltim di 'd l mrl Ultimo giorno della merla

 

Torna al sommario

 

FURER 1999 FEBBRAIO

 

1 LU S. Cecilio V.

2 MA Presentazione del Signore

Candelora (Mdon sciriol) Madonna della cera (delle candele)

Pr l Cndelor, s fa vent e or pr qurnt di sumn for, Se a Candelora si ha vento e sereno

quaranta giorni di bel tempo

s fa ne or ne vent pr qurnt di sumn dent altrimenti quaranta di maltempo

3 ME S. Biagio V.m.

Benedizin d'l gul Benedizione della gola

Din, dn cmpnn, pr S. Bia carn e vin bn Din, don suona la campana, per S. Biagio carne e

buon vino

4 GI S. Giuseppe da Leonessa

5 VE S. Agata

6 SA S. Dorotea - S. Pierbattista m.fr.

7 DO S. Riccardo re - S. Coletta v. fr.

8 LU S. Ermanno

ltim quart (13.00)

9 MA S. Rinaldo V.

S. Puloni - fst Rm S. Apollonia, festeggiata a Ramate

10 ME S. Scolastica v.

11 GI B.V. di Lourdes

Giornata di preghiera alla Grotta della chiesa di Ramate

Giubiasci Giovedi grasso

12 VE S. Velio - S. Fili V.

13 SA S. Benigno m.

14 DO Ss. Cirillo e Metodio - S. Valentino

Pr S. Vlntin, l prmaver l' viin Per S. Valentino la primavera vicina

15 LU S. Giorgina

16 MA S. Elia m.

Martis grass Martedi grasso, ultimo giorno di Carnevale

Pulent e slmitt in piazz Polenta e salamini in piazza

Ln nov (7.10)

Ln nov, pr tri di 'l prov Con la luna nuova per tre giorni il tempo fa le prove (per il resto del mese)

17 ME S. Marianna - Le Ceneri

Quaresm Inizio della Quaresima

18 GI S. Simone V.

19 VE S. Tullio m.

Pesci (3.07)

20 SA S. Nilo ab.

21 DO S. Eleonora reg.

22 LU S. Margherita da Cortona

23 MA S. Livio

Prm quart (3.44)

24 ME S. Celso V.

25 GI S. Gerlando V. - S. Cesario

26 VE S. Romeo

27 SA S. Gabriele dell'Addolorata

28 DO S. Gualtiero ab.

 

PROVERBI DI FEBBRAIO

- An bist, s` mari 'nc i tmpst Nell'anno bisestile si sposano anche le tempeste

- Sul d Furr, l' gram cume'n sber Il sole di Febbraio cattivo come un monello

 

Torna al sommario

 

MARZ 1999 MARZO

 

1 LU S. Silvio

2 MA S. Eraclio

Tund (8.00)

3 ME S. Marino m.

4 GI S. Casimiro re

5 VE S. Olivia v.m. - S. Teofilo V.

6 SA S. Vittore P.m.

7 DO S. Perpetua e Felicita mm.

8 LU S. Quintilio

Fest d'i fumn Festa delle donne
9 MA S. Francesca Romana

10 ME S. Ugolina

ltim quart (9.42)

11 GI S. Costantino re

12 VE S. Nicodemo

13 SA Ss. Patrizia e Cristina mm.

14 DO S. Matilde regina

15 LU S. Luisa ved.

16 MA S. Colomba m.

17 ME S. Patrizio - S. Geltrude

Lna nov (10.50)

La ln: se's fa 'n prm dl se, l' mi cul dl me Se la luna nuova capita prima del giorno

sei, non quella del mese in corso

18 GI S. Salvatore fr.

19 VE S. Giuseppe

Fst dl p Festa dei pap

20 SA S. Tina - S. Vilfino V.

21 DO S. Giustiniano V.

S. Bndtt S. Benedetto

Ariete (2.07) - Prmaver Primavera

22 LU S. Ottaviano m.

23 MA S. Lea ved. - S. Buon Ladrone

24 ME S. Flavio - S. Zaccaria

Prm quart (11.20)

25 GI Annunciazione di N.S.G.C.

26 VE S. Lugero - S. Emanuele m.

27 SA S. Augusta

28 DO Le Palme

Inizio ora legale

La Rmuliv Domenica dei rami d'olivo

S piou pr l rmuliv, piou pr stt dumingh d fil Se piove la domenica delle Palme

piove per sette domeniche di fila

29 LU S. Secondo

30 MA S. Leonardo m.

31 ME S. Guido ab.

Tund (15.55)

 

PROVERBI E CREDENZE DI MARZO

- Qund fioc s l foi, l'invrn l da p noi La neve che cade sulle foglie appena spuntate

non infastidisce pi

- Schisci i pls marzari, ch crp pa e fii Uccidi le pulci in marzo e non si riprodurranno

 

Torna al sommario

 

PRIL 1999 APRILE

 

1 GI S. Ugo V. - Ultima Cena

Giobi Snt Giovedi Santo

sun l tich e tach Suona la tich e tach (apparecchio sostitutivo delle campane)

Ps d'pril Pesce d'Aprile

2 VE S. Francesco di Paola - Passione e morte di Ges

Vnr Snt Venerdi Santo

Prucessin d'i gid in Mauli Processione dei giudei

3 SA S. Sisto P. - Ges nel sepolcro

Sabt Snt Sabato Santo

4 DO S. Isidoro V. - Pasqua di Resurrezione

Vgn Pasqu qund g'ha voi, sr mai snz l foi In qualunque data capiti Pasqua,

le foglie saranno gi spuntate

5 LU S. Vincenzo Ferreri - Lunedi Dell'Angelo

Pasquetta

Pasquetta, bianca lasagnetta; chi mngi mi lagn, pr ttt l'an l cragn

chi non mangia la lasagna, pianger per il resto dell'anno

6 MA S. Celestino P.

7 ME S. Giovanni Battista de La Salle

8 GI S. Redento V. - S. Walter

9 VE S. Maria Cleofe

ltim quart (3.53)

10 SA S. Terenzio

11 DO S. Stanislao V.m.

Duminic in Albis Domenica in Albis

12 LU S. Giulio P.

13 MA S. Marzio ab.

14 ME S. Lamberto V.

15 GI S. Olimpia

16 VE S. Bernadetta v.

Lun nov (05.21)

17 SA S. Vando ab.

18 DO S. Galdino V.

19 LU S. Emma

20 MA S. Sara m.

Toro (13.08)

21 ME S. Corrado fr.

22 GI S. Caio P.

Prm quart (20.02)

23 VE S. Giorgio m.

Fst d Cl Festa di Casale

24 SA S. Fedele m.fr.

25 DO S. Marco Ev.

Fst d'i Partigiani Festa della Libert

Prucissin d'i bigatt Processione dei bachi da seta

26 LU Ss. Cleto e Marcellino PP.mm.

27 MA S. Zita

28 ME S. Vitale m.

29 GI S. Caterina da Siena

30 VE S. Pio V P. - S. Valpurga

Tund (15.55)

s cnt Masc Si canta Maggio

 

PROVERBI E TRADIZIONI DI APRILE

- 'Ntnt ch'l sun 'l Glori dl Sabt Snt gu bnid 'l pulr cun l'acqu d tri funtn pr tgngh vi i picc pulitt Mentre suonano le campane del Gloria alla messa del Sabato Santo, aspergere il pollaio con l'acqua attinta a tre diverse fontane; ci previene gli attacchi dei pidocchi dei polli

- pril, 's lav l squel e's va drum In Aprile si lava la scodella (della cena) e si va subito a letto

 

Torna al sommario

 

MASC 1999 MAGGIO

 

1 SA S. Giuseppe artigiano

Fst d ci ch lavurn Festa dei lavoratori

Beltaine

2 DO S. Atanasio V. dott.

3 LU Ss. Filippo e Giacomo Ap.

Snt Cru, fst d Rm S. Croce, festa di Ramate

S piou pr Snt Cru va d mal nisciol e nus` Se piove per S. Croce, marciscono nocciole e noci

4 MA S. Fulvio

S. Gutard S. Gottardo

S piou pr Sn Gutard, pr qurnt di fa nut d'aut Se piove a S. Gottardo,

per quaranta giorni non fa altro

5 ME S. Leo

6 GI S. Maurilio m. - S. Barbaro m.

7 VE S. Augusto m. - S. Flavio

8 SA S. Viro - Supplicazione della B.V. di Pompei

Festa alla chiesa di S. Carlo

S. Vitur S. Vittore

ltim quart (18.30)

9 DO S. Luminosa v. - Festa delle mamme

10 LU S. Antonio V. - Ss. Quarto e Quinto mm.

11 MA S. Fabio

S. Mail S. Maiolo

Pr S. Mail, s pint l ram e'l fasl Per S. Maiolo si piantano le pertiche (di sostegno) e i fagioli

12 ME S. Leopoldo fr.

13 GI S. Rolinda - S. Argentina

scensin Ascensione (ricorrenza canonica)

S piou p'l di d'la Scenz, pr qurnt di sumn mi snz Se piove per l'Ascensione,

per quaranta giorni non ne faremo a meno

Rugaziugn Rogazioni

14 VE S. Mattia Ap.

Rugaziugn

15 SA S. Torquato m. - S. Ariberto

Lna nov (13.05)

Rugaziugn

16 DO Ascensione di N.S.G.C. - S. Ubaldo V.

S. Defndent, fst d i Ars S. Defendente, festa di Arzo (ricorrenza canonica 2 gennaio)

17 LU S. Pasquale fr.

18 MA S. Felice da Cantalice fr.

19 ME S. Celestino P. - S. Ivo

20 GI S. Bernardino fr.

21 VE S. Vittorio m.

Gemelli (12.10)

22 SA S. Rita da Cascia ved.

Bndizin d'i r Benedizione delle rose

Prm quart (6.35)

23 DO Pentecoste - S. Fiorenzo m.

24 LU B.V. Ausiliatrice

25 MA S. Beda dott.

26 ME S. Filippo Neri

27 GI S. Federico V.

28 VE S. Lanfranco V. - Ss. Emilio e Priamo mm.

29 SA S. Massimino V.

30 DO SS. Trinit - S. Ferdinando re

Fst d Crbbi Festa di Crebbia

S piou pr l Trint, piou tcc i fst 'd l'ist Se piove per la Trinit,

(o pr stt fst infil) piove per tutte le feste d'estate (o per sette feste consecutive)

Mdon dl Blmll - Fst d Bi B.V. del Balmello, festa di Montebuglio

Tund (07.40)

31 LU Visita della B.V. a S. Elisabetta

 

PROVERBI E TRADIZIONI DI MAGGIO

- S 'l ghi'ncur 'n quai scicasc, tignil vi p'l me d masc Se vi resta qualche ceppo (da ardere),

conservatelo per maggio

- Srgn d ncc, al val n picc Sereno notturno vale quanto un pidocchio

 

Torna al sommario

 

SGIGN 1999 GIUGNO

 

1 MA S. Giustino - S. Fortunato

2 ME S. Eugenio P.

Festa della Repubblica

3 GI S. Clotilde regina

4 VE S. Quirino V. - S. Saturnina

5 SA S. Franco

6 DO Corpus Domini

Prucissin pr i strai Processione per le vie

7 LU S. Roberta

ltim quart (5.21)

8 MA S. Sira

9 ME S. Primo m. - S. Diomede m.

10 GI S. Aureliano V.

11 VE S. Cuore di Ges - S. Barnaba Ap.

12 SA S. Cuore Immacolato di Maria - S. Nazzario m.

13 DO S. Antonio da Padova

S. ntoni vrd gi, fmm truv cul ch'i ho prd S. Antonio, aiutatemi a ritrovare ci che ho perduto

Ln nov (20.04)

14 LU S. Eliseo prof.

15 MA S. Vito m.

16 ME S. Gianfranco

17 GI S. Isauro m.

18 VE S. Marina

19 SA S. Giuliana - Ss. Gervasio e Protasio mm.

20 DO S. Silverio P. - S. Ettore

Prm quart (19.12)

21 LU S. Luigi Gonzaga

Pr S. Li tajn i grisntem l p A S. Luigi, si potano i crisantemi

Cancro (20.09) - Ist Estate

22 MA S. Paolino di Nola V.

23 ME S. Vinicio - S. Lanfranco

24 GI Nat. S. Giovanni Battista - Patrono di Tanchello

Bndizin d'i mtai Benedizione dei bambini

Pr S. Giuan, s grup l'ai Per S. Giovanni si annoda l'aglio

Mezzestate

25 VE S. Guglielmo

26 SA S. Vigilio V. m.

27 DO S. Adelino

28 LU S. Ireneo V.m.

Tund (22.38)

29 MA Ss. Pietro e Paolo App. - Festa di Gravellona

30 ME S. Ernesto - S. Emiliana m.

 

Torna al sommario

 

LI 1999 LUGLIO

 

1 GI S. Ester regina

2 VE S. Egisto m.

3 SA S. Tommaso Ap.

(Fst d Bi) santo patrono di Montebuglio

4 DO S. Natalia m.

5 LU S. Domezio

6 MA S. Maria Goretti v.m.

ltim quart (12.58)

7 ME S. Gioconda

8 GI S. Adriano P.

9 VE S. Veronica Giuliani

10 SA S. Rufina - S. Massimina

11 DO S. Benedetto ab.

12 LU S. Arduino - S. Partemio V.

13 MA S. Enrico Imp.

Ln nov (03.25)

14 ME S. Camillo de Lellis

15 GI S. Bonaventura V. dott.

16 VE B.V. del Carmelo

17 SA S. Alessio

18 DO S. Rufillo V. - S. Giusta m.

19 LU S. Liberio V. - S. Arsenio

20 MA S. Aurelio V.

Prm quart (10.00)

21 ME S. Lorenzo da Brindisi

22 GI S. Maria Maddalena

S. Mari Madlen, grn acqu l men S. Maria Maddalena porta tant'acqua

S. Mari Madlen, lur fa mal l schen S.M.M. a chi lavora duole la schiena

23 VE S. Brigida

Leone (7.08)

24 SA S. Cristina v.m.

25 DO S. Giacomo Apostolo

26 LU Ss. Anna e Gioacchino

Fst Rm Patronale di Ramate

Pr snt'An, l'acqu l'ingan Per S. Anna l'acqua inganna

27 MA S. Arnaldo V.

28 ME S. Vittore P.

Tund (12.25)

29 GI S. Marta

30 VE Ss. Donatella e Seconda mm.

31 SA S. Ignazio di Lojola

 

Torna al sommario

 

GUST 1999 AGOSTO

 

1 DO S. Alfonso V.

Lugnasad

2 LU S. Eusebio V.

3 MA S. Lidia - B.V. Consolata - S. Lidia

4 ME S. Giovanni M. Vianney

ltim quart (18.25)

5 GI B.V. della Neve - S. Emidio m.

6 VE Trasfigurazione di Ges

7 SA S. Donato

8 DO S. Domenico
9 LU S. Romano m. - S. Fermo

10 MA S. Lorenzo, patrono di Ramate

Pioggia di stelle cadenti

11 ME S. Chiara d'Assisi v.fr.

Ln nov (12.10)

12 GI S. Gilberta v.

13 VE S. Ippolito m.

14 SA S. Massimiliano Kolbe m.fr.

Fal 'd l Mdon d'gust Fal della Madonna d'Agosto

15 DO Assunzione della B.V. Maria

Ferragosto

Fest dl Getzemani

16 LU S. Rocco, patrono della Cereda

Pr S. Roch, i risc tir d s-ciopp A S. Rocco i ricci sono a tiro di schioppo

17 MA S. Giacinto - S. Settimo

18 ME S. Elena Imp.

19 GI S. Italo - S. Ludovico V. fr.

Prm quart (2.50)

20 VE S. Bernardo ab.dott.

21 SA S. Pio X P.

22 DO B.V.M. Regina

23 LU S. Rosa da Lima - Vergine

Vergine (14.09)

24 MA S. Bartolomeo Ap.

Sn Brtulam, bzz d'd ngn e d dr S. Bartolomeo, piene davanti e di dietro

25 ME S. Ludovico re

26 GI S. Alessandro m.

27 VE S. Monica ved.

Tund (00.96)

28 SA S. Agostino V.dott.

29 DO Martirio di S. Giovanni Battista

30 LU S. Merio - S. Dasio m.

31 MA S. Aristide - S. Ottaviano V.

 

PROVERBI E TRADIZIONI DEL MESE

- gust, gi 'l sul l' fusch In Agosto, dopo il tramonto cominciano le brume

- l prm tmpural d'gust, l rinfrsc 'l busch Il primo temporale d'Agosto rinfresca il bosco

- Tmpural d'l ser pr tri di 'l fa fer, tmpural d'l mtin gh'ha ne c ne fin

Temporale di sera dura tre giorni, temporale di mattina non ha capo ne coda

 

 

Torna al sommario

 

SITEMBR 1999 SETTEMBRE

 

1 ME S. Egidio ab.

2 GI S. Elpidio ab.

tim quart (23.20)

3 VE S. Gregorio P.

4 SA S. Rosa da Viterbo fr.

5 DO S. Lorenzo Giustiniani V.

6 LU S. Eva

7 MA S. Giuffredo - S. Grato

Sn Gr e sn Simn n vardn d'la losn e dl trn S. Grato e S. Simone ci preservino

dal fulmine e dal tuono

8 ME Nativit di Maria SS.

Mdon dl Bodn Festa del santuario del Boden

9 GI Ss. Gorgonio e Doroteo mm.

Ln nov (23.03)

10 VE S. Nicola da Tolentino

11 SA S. Almiro - Ss. Proto e Giacinto mm.

12 DO SS. Nome di Maria

13 LU S. Giovanni Crisostomo V.

14 MA Esaltazione della S. Croce

15 ME B.V. Addolorata

16 GI Ss. Cornelio P. e Cipriano V.

17 VE S. Roberto Bellarmino V. dott.

Prm quart (21.10)

18 SA S. Centina - S. Giuseppe da Copertino

19 DO S. Gennaro V.m.

20 LU S. Filippa

21 MA S. Matteo Ap. ev.

22 ME S. Maurizio M.

23 GI S. Lino P. - S. Santina

Bilancia (12.05) - Autnn Autunno

24 VE S. Pacifico fr. - B.V. della Mercede

Fst d'l Scri

25 SA S. Aurelia - S. Nicolao de Fle

Tund (11.52)

26 DO Ss. Cosma e Damiano mm.

Fst dl Sacro Cuor, giurn 'd l prochi 'd Csl

Festa del Sacro Cuore, giornata della parrocchia di Casale

27 LU S. Vincenzo de' Paoli

28 MA S. Venceslao re - S. Salonio V.

29 ME Ss. Michele, Gabriele e Raffaele Arcangeli

Pr sn Michel l mrend la va 'n ciel A S. Michele la merenda sale in cielo

30 GI S. Girolamo dott.

 

Torna al sommario

 

 

UTUBR 1999 OTTOBRE

 

1 VE S. Teresa del Bambin Ges - S. Remigio

2 SA S. Angeli custodi

ltim quart (5.03)

3 DO S. Massimiano V. - S. Evaldo

4 LU S. Francesco d'Assisi

5 MA S. Placido m.

6 ME S. Bruno ab. - S. Renato

Pr S. Ren, distp l but 'nc 'l cr A S. Renato stappa la botte anche il curato

7 GI B.V. del Rosario

8 VE S. Ivo - S. Bacco

9 SA S. Dionigi m.

Ln nov (12.38)

10 DO Ss. Daniele e Ugolino mm.fr.

11 LU S. Leonilla m.

12 MA S. Serafino fr.

13 ME S. Edoardo re

14 GI S. Callisto P.

15 VE S. Teresa d'Avila v.dott.

16 SA S. Edvige - S. Gallo

S fa bel pr S. Gal, fa bel fin Ndal

17 DO S. Mariano m. - S. Ignazio m.

Prm quart (16.01)

18 LU S. Luca Ev.

Pr S. Lc, chi l'ha mi smn ch'l plc Chi a S. Luca non ha ancora seminato,

che pilucchi poi gli avanzi altrui

19 MA S. Paolo della Croce - S. Laura m.

20 ME S. Aurora

21 GI S. Orsola

22 VE S. Numilio - S. Mallo V.

23 SA S. Manlio ab. - S. Nazzareno

Scorpione (21.08)

24 DO S. Gilberto

Tund (22.01)

25 LU S. Miniato - S. Grazia m.

26 MA S. Evaristo - S. Umberto

Ritorno all'ora solare

27 ME S. Elfrida - S. Fiore V.

28 GI Ss. Simone Taddeo App.

Pr Sn Simn, cal l rvisci e crs l bundn A S. Simone diminuisce la rapa

e aumenta il germoglio

29 VE S. Quinto m. - S. Onorato V.

30 SA S. Lucano V.

31 DO S. Quintino m.

Halloween

ltim quart (13.05)

 

 

PROVERBI E TRADIZIONI

- Prm 's tr f 'l lm e pi 's tir dent l strm Prima si elimina il letame, poi si rinnova la lettiera

 

 

Torna al sommario

 

NUVEMBR 1999 NOVEMBRE

 

1 LU Ognissanti

Brbull e vin nuell...Castagne bollite e vino nuovo

Samain

2 MA I Morti

3 ME S. Giusto

4 GI S. Carlo Borromeo V.

5 VE S. Galeazzo - S. Zaccaria

6 SA S. Fulviano - S. Beatrice

7 DO S. Ernesto ab. - S. Cassina M.

Fst d'i suldai Giornata delle forze armate

8 LU S. Goffredo V.

Ln nov (04.54)

9 MA S. Oreste m.

10 ME S. Leone Magno P.

11 GI S. Martino V.

Inizio dell'annata agraria (f Sn Mrtin Traslocare)

Di 'd marc: se 'l sul l va gi 'n't l srgn l'invrn sr crt e Giorno segnatempo: se il sole

bel, s'l va gi 'n't l fusch l'invrn sr lungh e brtt tramonta col sereno l'inverno sar

corto e clemente, altrimenti sar lungo e freddo

D 'nci fin S. Gispp s pl ps 'n't i prai d i uti snz cim 'l prmss

(bast mi fa dagn) Da oggi sino al prossimo S. Giuseppe (19 Marzo) consentito transitare nei prati

altrui senza permesso preventivo, a patto di non provocare danni

12 VE S. Giosafat V.m.

13 SA S. Diego fr.

14 DO S. Giocondo V.

Duminic d'i Scrcun Domenica delle Cercone

15 LU S. Alberto Magno dott.

16 MA S. Gero - S. Geltrude

Prm quart (10.05)

17 ME S. Elisabetta d'Ungheria

18 GI S. Frediano V.

19 VE S. Demiro

20 SA S. Benigno

21 DO Presentazione della B.V.M. - Cristo Re

Mdon d'i mtn, fst d Csl Madonna delle Figlie, copatrona di Casale

22 LU S. Cecilia v.m.

Sagittario (19.03)

23 MA S. Clemente P.

Tund (08.05)

24 ME S. Firmina m.

25 GI S. Caterina v.m.

Pr S. Ctrin, i vacch l csin, i crau l givin e i pvr l pruvin

Per S. Caterina, le vacche nella stalla, le capre alle pietraie e le pecore esposte alla brina

26 VE S. Leonardo fr.

27 SA S. Virgilio V.

28 DO S. Giacomo fr. - 1 d'Avvento

29 LU S. Giraldo ab. - S. Saturnino V. m.

30 MA S. Andrea Ap.

Pr S. ndre, l frcc l munt 'n cdrg...A S. Andrea il fredo comincia a farsi sentire

ltim quart (00.20)

 

 

Torna al sommario

 

DIS'EMBR 1999 DICEMBRE

 

1 ME S. Ansano m.

2 GI S. Bibiana m.

S fioc pr S. Bibin, la vgn pr qurnt di e 'n smn

Se nevica a S. Bibiana, continuer per quaranta giorni e una settimana

3 VE S. Francesco Saverio

4 SA S. Giovanni Dam. - S. Barbara

5 DO S. Crispina - S. Dalmazzo - 2 d'Avvento

6 LU S. Nicola V.

(Santa Klaus)

7 MA S. Ambrogio V.dott.

Fst d'i lv d'Umgn Patrono di Omegna

Ln nov (23.31)

8 ME Immacolata Concezione B.V.M.

9 GI S. Siro V. - S. Valeria m.

10 VE B.V. di Loreto

11 SA S. Damaso P.

12 DO S. Giovanna Francesca di Chantal ved. - 3 d'Avvento

13 LU S. Lucia v.m.

S. Lzi, l' 'l di ps crt ch'gh si S. Lucia il giorno pi corto che ci sia

14 MA S. Giovanni della Croce dott.

15 ME S. Nino - S. Silvia

16 GI S. Ado V. - S. Adelaide

Scumenci l nuven 'd Ndal Inizio della novena di Natale

Prm quart (01.50)

17 VE S. Lazzaro

18 SA S. Adele - S. Sofia

19 DO S. Fausta m. - 4 d'Avvento

20 LU S. Corno

21 MA S. Piero Canisio dott. - S. Festo m.

S. Tum - Fst d Bi S. Tommaso ap. patrono di Montebuglio

S. Tum, ne'l va ne'l sta S. Tommaso, ne se ne va, ne resta

22 ME S. Remo V.m.

Capricorno (08.07) - Invrn

Tund (18.31)

23 GI S. Vittoria v.m.

24 VE S. Tarsilla

Vigili

25 SA Natale di Ges

Pr Ndal, l di 'l crs l pas d'un gal A Natal il giorno cresciuto come il passo di un gallo

Ndal l sul, Pasqu l tizzn Natale al sole, Pasqua al freddo

26 DO S. Stefano 1 martire - S. Famiglia di Nazaret

Fst d i Ar Festa di Arzo

27 LU S. Giovanni Ap.Ev.

28 MA Ss. Innocenti mm.

29 ME S. Davide re - S. Consolo

ltim quart (15.03)

30 GI S. Ruggero V.

31 VE S. Silvestro P.

ltim d d l'an...Ultimo giorno dell'anno

 

PROVERBI E TRADIZIONI

- L'invrn, l'h mai mngi 'l lv L'inverno non se l' mai mangiato il lupo

 

 

Torna al sommario